Le parole, a volte, sono semplici pregiudizi.

ABOUT

story - services - showreel & more

01

SHOWREEL

updated showreel

02

MY LIFE

Little story of my life

Sono della Bilancia, non potevo chiedere di meglio. Nato in un territorio, le Marche, che per me ha dello spettacolare. Una regione anche lei nel segno della bilancia con le sue montagne innevate e le sue coste meravigliose ed io da buon bilancia sono nato nel mezzo …in collina, a 20 min. di macchina dallo sciare d’inverno e 20 min. dal farmi il bagno d’estate (anche se odio il caldo e la sabbia appiccicosa). Sono nato curioso e sicuramente morirò curiosando, tutta colpa dell’ essere nato negli anni ’80 quando alla tv passava solo Mc Gyver e A-team e tutti quei cartoni giapponesi comprati a quattro soldi dalla Mediaset.

A Macerata ci si stava tutto il periodo scolastico e non vedevo l’ora che finiva la scuola per poter passare le vacanze al paesino dei miei genitori dove avevo i nonni. Passare il periodo estivo in quel paesino per me era una magia, un poter tornare bambino (cavolo, ero già bambino) e avere la piena libertà di uscire, giocare con la bicicletta, andare a pescare e fare le corse con i carretti di legno. Significava andare la domenica in montagna con il mio papà o aspettare con ansia l’arrivo dei ragazzi ucraini di Chernobil ospitati dalle famiglie del paesino per fargli prendere “l’aria buona” …crescendo questa cosa non l’ho mai capita, si trattava di radiazioni mica inquinamento e la “nube rosa” ce la siam beccata più noi che loro. Poco importa, era più il fatto di sentir parlare russo e di avvicinarsi ad una cultura completamente differente dalla mia e da quella dei miei amici.

Ho avuto sempre un padre molto preoccupato per i miei studi (lui è medico come mezza sua famiglia) che ha sempre cercato di farmi studiare in tutti i modi, dal metodo Montessori a metodi diciamo più rudi, ma ammettiamolo non c’è mai stato verso. Finalmente presa la maturità scientifica e fatto capire chiaramente che non avevo la benchè minina intenzione di diventare medico pure io, ho cercato di trovare qualcosa che poteva fare al caso mio, le mie più grandi passioni erano volare e far le foto. La prima l’ho abbandonata dopo due settimane, non sono proprio il tipo da vita militare, la fotografia invece mi ha portato all’Università per stranieri di Perugia.

00
00

Comunicazione Internazionale, parola grossa per uno che non voleva avere niente a che fare con lo studio ma solo andarsene in giro a far foto e diventare il nuovo Erwitt. Per fortuna la mia mente malata piano piano mi ha fatto capire che non di sole foto vive l’uomo ma prima o poi queste foto dovevano essere impaginate e stampate. Così parallelamente alla fotografia comiciai ad occuparmi di grafica e del mondo della stampa (mondo davvero affascinante a parer mio) e così cominciai a lavorare come grafico esecutivista ed entrare nell’ambito della comunicazione pubblicitaria e tutt’oggi, mettermi a creare un logo, lo trovo ancora una cosa eccitantissima. Ma come potevo crescere io piccolo hobbit abitante della provincia? La risposta fu Milano. Ci pensò questa città a ridimensionare le mie manie di grandezza e facendomi capire che non potevo neanche mettermi nella lista “dell’ultimo arrivato” ma sulla lista dei “cazzo sei venuto a fare qua”. Così a malincuore capii che lo studio ci vuole e anche fatto bene per poter avere un minimo di voce in capitolo in quello che volevo fare. Ed ecco che mi sono iscritto allo IED di Milano nel corso di graphic design e alla John Kaverdash school of photography. Finiti parallelamente i due sentieri di studio finalmente qualcosina dal mondo del lavoro cominciava ad arrivare. Mancava qualcosa però alla mia conoscenza di comunicazione, le immagini statiche o grafiche piano piano cominciarono a trasformarsi in immagini animate. Lavorare in video compositing e cgi per creare le fatine Winx mi ha aiutato ad aumentare l’orizzonte. Tornato nella “Terra di Mezzo” prima mi sono associato a due amici di vecchissima data che hanno la mia stessa passione e che avevano creato un laboratorio creativo davvero molto stimolante. Poi piano piano ho cercato di trovare una mia dimensione personale ed eccomi qui con il mio piccolo studio e le mie piccole competenze.

03

EXPERIENCES

List of my experiences

00

COLUMBUS ITALIA/BB

January 2005 – October 2005

Graphic designer

Macerata, Italy

00

GS COPY

October 2006 – August 2007

Graphic designer

Macerata, Italy

00

AGENZIA YES1

September 2010 – December 2010

Graphic designer

Milan, Italy

00

RAINBOW S.P.A.

January 2010 – January 2013

Video compositing & Video post-production

Loreto, Italy

00

QUANTI LAB

February 2012 – July 2014

Video – Graphic – Photo

Macerata, Italy

00

SAVERIO-FRANCESCO MARI

February 2013

Photo – Graphic – Video

Macerata, Italy

05